Mazzucchelli: cinque generazioni di imprenditori

0
377

Mazzucchelli 1849, centocinquantanni di storia, cinque generazioni, la stessa famiglia, un legame continuo non solo con Castiglione Olona e i suoi abitanti, ma anche con la sua storia e la sua cultura, un felice connubio tra operosità produttiva e arte.

Fondata nel 1849 dal capostipide Santino Mazzucchelli, che cominciò l’avventura imprenditoriale fabbricando pettini e bottoni d’osso, corno e tartaruga, è diventata, a partire dagli anni 20, punto di riferimento in Italia per la produzione della celluloide, antesignana delle materie plastiche.
Cresciuta in dimensioni e tecnologie, dagli anni 40 in poi ha occupato un posto di primo piano in Italia sia nella produzione di materie plastiche: acetato, polistirolo, vinile,
che nella produzione di oggetti finiti:pettini, occhiali, bambole, giocattoli, palline da ping pong, tutti con marchi SAMCO e ancra pavimenti in lineoleum Domosic e sci Maxel.
Alla fine degli anni ’80 la Mazzucchelli scegle di dedicarsi esclusivamente alla produzione di lastre e granuli di acetato di cellulosa per occhiali e bigiotteria. Crea la sua base di produzione in Cina e si espande con importanti partecipazioni in altre società italiane ed europee.

Oggi il gruppo Mazzuchelli, con le fabbriche di Castiglione Olona e Venegono, di Shenzhen e Shangai, si presenta come il principale fornitore sia di materie plastiche che di componenti metalliche per l’industria e dell’occhialeria.
Sul finire degli anni ’60, il grande successo delle materie plastiche, le caratteristiche tecniche ed estetiche delle sue materie prime, la passione e la sensibilità per l’arte contemporanea di Lodovico Castiglioni e di Franco Mazzucchelli spingono la Mazzucchelli a dar vita al POLIMERO ARTE.
Nasce così un centro di ricerche estetiche: uno speciale laboratorio dotato di tecnologie e personale qualificato, che ospita i migliori artisti del tempo, perchè creino le loro opere con la “plastica”.
Dal 1969 al 1973 molti sono gli artisti che realizzarono le loro opere presso il Plimero Arte, lasciando poi un esemplare del loro lavoro in dono al centro. Quest’esperienza viene riporoposta con successo negli anni seguenti, coinvolgendo architetti, designers industriali e stilisti in diversi progetti, che portano alle mostre: dalla Tartaruga All’Arcobaleno per la 17a Triennale di Milano 1985, Scenes de Mode, Scenes du Monde alla Grand’arche de la Defense a Parigi nel 1992,L’occhiale e la plastica: voglia di colore di design al Palazzo delle Stewlline di MilaNO 1999.
Nel 2004, di intesa con il Comune di Castiglione Olona, il Polimero Arte diventa il nucleo fondatore e centrale del MUSEO di ARTE PLASTICA, rinnovando così il legame tra arte,Castiglione Olona e Mazzucchelli 1849 spa.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.