Dai tempi preistorici fino ad oggi la regione che va dalle Alpi a ridosso dei laghi del nord Italia fino alla confluenza del Ticino con il Po, si presenta come un punto d’incontro e di incrocio a livello europeo.

Questo territorio denominato “insubrico” si estende dal nord della Lombardia e del Piemonte, spazio on cui si intersecano rilevanti assi di traffico e dove sorgono numerose e importanti infrastrutture, come per esempio l’aeroporto di Malpensa , l’autostrada, la ferrovia del Gottardo e del Sempione che ottemperano ai bisogni e alle necessità di una vasta area,fra la quattro più industrializzate d’Europa, che fa capo a Milano.

Alla Regio Insubrica, costituitasi ufficialmente con la dichiarazione d’intesa del 19 gennaio 199, appartengono le Provincie di Como, Varese,Verbano-Cusio-Ossola e il Canton Ticino,mentre Lecco e Novara si aggiungono successivamente. Da sempre e sempre con maggior frequenza oggi parliamo dell’Europa delle Regioni, con particolare riferimento a quelle transfrontaliere, perchè in queste viene individuata una maggior possiblità di gestire le risorse con maggior coerenza, sfruttando l’omogeneità geografica, economica, linguistica e culturale che spesso queste aree presentano, con l’intento di ridisegnare i confini nazionali, provinciali, comunali non in chiave istituzionale ma sulla base di complementarietà e interessi condivisi.

L’idea “Regio Insubrica” si fa portatrice di valori che la distinguono da altre realtà anche internazionali. E’ un concentrato di interessi che, attraverso la cooperazione e il confronto, permette di sviluppare iniziative, realizzare progetti che via via vanno imponendosi con una sempre maggior attenzione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.