E’ bastato far pagare pochi centesimi per i sacchetti di plastica nei supermercati per ridurre di circa l’80% il consumo. Ma la svolta non riguarda solo i market, ma anche i piccoli negozi che da tempo propongono sacchetti di carta o di tessuto.

C’è una svolta verde che attraversa l’Europa e ha contagiato anche l’Italia e questa nuova sensibilità nasce proprio dal cliente che è il primo,non si sa bene se per via del costo, a chiedere non sacchetti di plastica. A Milano, sempre all’avanguardia in tema di svolta verde, sta predisponendo un progetto che punta a segnalare, attraverso un bollino incollato sulle vetrine dei negozi,quei commercianti che si impegnano in prima persona ad eliminare quanta più plastica possibile.

Una garanzia “plastic free” per il consumatore a favore delle confezioni biodegradabili. Questa iniziativa tuttavia non può bastare anche perchè sono le grandi imprese della distribuzione, che devono combattere il proliferare della plastica, più che i piccoli e medi negozi, anche se varie iniziative si intravedono proprio nella grandi imprese.

Da tempo, comunque, è in atto un cambiamento di mentalità, la sensibilità è cresciuta, ma si deve tradurre in pratica questa volontà e su questo fronte molto resta da fare. Per arrivare a una svolta “green” occorre lavorare su più fronti. Uno  ad esempio è quello delle feste ecosostenibili , carnevali,grigliate,aperitivi all’aperto o in ufficio,dove invece di usare bicchieri,piatti e cannucce in plastica  si scelgono quelli di carta o di materiali riciclabili che si possono smaltire e non sono tossici per l’ambiente.

Alcune iniziative sono già in atto e per manifestazioni ecosostenibili alcune autorità pubbliche già danno finanziamenti,così come la tendenza si nota anche in alcuni locali e discoteche,soprattutto se frequentati da giovani,ed è proprio partendo da loro che si deve il cambio di mentalità e di atteggiamento. Che.poi, verso l’ambiente a tutti i livelli,stia crescendo l’attenzione è un dato di fatto anche se i progressi sono lenti e graduali. Si tratta infatti di cambiare le abitudini, gli stili di vita partendo dai gesti quotidiani,piccoli ma significativi.Come il bollino o il rifiuto della busta di plastica,già sarebbe un bel passo avanti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.