L’Antiquarium turritano è situato a Porto Torres, città del nord Sardegna. Questo percorso nella storia dell’epoca romana è un fantastico tuffo in ciò che lo splendido Impero è riuscito a realizzare nelle sue opere. La struttura museale si sviluppa su due piani con teche che contengono i numerosi reperti: monete, anfore, monili, statue, mentre nella parte esterna del fabbricato, si articola il percorso che porta il visitatore nella realtà antica dei centri urbani dell’epoca e delle famose terme.

L’Antiquarium turritano è una documentazione dell’articolazione della vita romana di Turris Libisonis, antico nome della città di Porto Torres. Il museo e l’area archeologica è stata aperta al pubblico nel 1984, da allora ci si può immergere in una realtà dal fascino antico, dove, percorrendo i sentieri dei resti delle cultura romana fatti rivivere grazie al lavoro di esperti, sembra di sentirsi rinascere la vita di allora.

Le terme, le colonne, i tratti di strada urbana sono un tuffo in una realtà storica colma di ricchezza culturale e architettonica. I vari colori dei mosaici, i materiali unici e le innovazioni idrauliche delle terme con impianti impensabili per allora, ma realizzati da menti eccelse danno l’idea di quanto anche i romani pensassero al loro benessere fisico e mentale. Le terme, con una forzatura temporale, potrebbero essere paragonate alle spa (salus per aquam) di oggi, dove oltre alla bellezza fisica si ricerca il relax e l’armonia della mente. L’uomo nell’sua “evoluzione” si organizza sempre nello stesso modo ed ha necessità sempre delle stesse cose.
Barbara Sersale

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.