L’ inondazione di cui si ha memoria certa risale al 1584, si ricorda anche, indietro nel tempo quella del 27 settembre 1773, quando una straordinaria piena a Legnano provocò anche alcune vittime. La più terribile il 30 maggio 1917, gli stabilimenti di Castellanza e Legnano subirono gravissimi danni, il cotonificio Cantoni il più colpito.” Lo straripamento dell’Olona ha provocato considerevoli danni, Cairate è completamente allagata. Da Castiglione Olona a  Fagnano  fino a Solbiate Olona le campagne sono completamente allagate e alcuni  stabilimenti hanno sospeso il lavoro.

Appena oltrepassato il paese di Gorla Maggiore, le acque dell’Olona irruppero così violentemente da trasportare grossi pezzi di arginatura. Numerosi mulini sono disabitati perchè i proprietari dovettero con le loro masserizie e il bestiame riparare sull’altopiano.” Così il cronista della Prealpina descriveva la piena dell’Olona  che, il 9 dicembre 1924, provocò gravi danni in varie parti della provincia di Varese e dell’Altomilanese. Non fu ne la prima ne l’ultima piena del fiume il quale, nel corso della sua millenaria storia, ha spesso superato gli argini. ” Essendo L’Olona alimentato solo da sorgenti e acque meteoriche, come sosteneva l’ing. Luigi Mazzocchi, nel suo “dizionario del fiume Olona”, soffre di grandi magre nei mesi di luglio, agosto, dicembre, gennaio e di grandi piene nei mesi di marzo, aprile, ottobre e novembre, e poichè l’alveo e piuttosto angusto nei mesi piovosi o per un nubifragio, le acque straripano in molti punti tra Varese e Milano danneggiando spesse volte campi e opifici.” Il fiume però non rievoca soltanto immagini di distruzione e morte: Questo corso d’acqua infatti ” ha significato moltissimo per la storia della provincia di Varese e dell’Altomilanese.

Tornano alla memoria gli antichi mulini, le filande, i ponti i campi irrigati. “Imparare la storia, vuol dire risorgere dai terreni e dalle acque, dalle pietre costruite e dalle parole legate agli uomini, perchè di quello che è veramente storico, il popolo serba una memoria”-R.Bacchelli- Sono parole dettate dalla meditazione sulla storia del Po al cui confronto il fiume Olona “si mette in una posizione di inferiorità”  “Anche se -scrive il prof. Gianazza nel volume Profilo storico di Legnano- nel suo capriccioso andare attraverso le terre, l’Olona ha raccolto sulle sue sponde i segni di una palpitante realtà, caratterizzando con la sua presenza la vita di molti borghi.” Lungo le sponde dell’Olona, infatti,sono passate varie dominazioni: i Visconti, gli Sforza, i Francesi, gli Spagnoli, gli Austriaci, Napoleone, il Regno d’Italia. L’Olona è l’elemento cardine attorno a cui si è sviluppata l’economia del Varesotto e dell’Altomilanese.

Fin dal 1610, stando a una relazione dell’ing. Barca, vi sorgevano 116 mulini. Dalla metà dell’ottocento  apparvero due cartiere, alcune filature, un torcitoio di seta, diverse concerie. Poi arrivarono i cotonifici con filatura e tessitura: la tela veniva stesa sui prati sempre verdi grazie all’irrigazione, l’acqua allora purissima e il sole la rendevano bianca senza alcun processo chimico. Nel 1920 c’erano anche due centrali idroelettriche -Viggiù e Varese- nove concerie, decine di cotonifici. Dai registri risulta che ancora nel 1917 lungo l’Olona vi erano 41 banchine di lavaggio pubblico, la cosa andò avanti per anni l’acqua era limpida e si poteva pescare in modo copioso grosse trote e perfino gamberi, e con il bel tempo anche un bel bagno. Poi gli scarichi industriali cominciarono a inquinare il fiume e solo ultimamente è iniziata la messa in sicurezza sia ecologica che naturale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.